Suoniamo l’Ukulele

Metodo per ukulele

L’ukulele è uno strumento musicale, un cordofono, appartenente alla famiglia delle chitarre. È l’adattamento hawaiano di uno strumento di origine portoghese, denominato cavaquinho ma chiamato anche braguinha o machete.

La principale caratteristica sonora dello strumento è il forte attacco seguito da uno smorzamento velocissimo.

Di forma minuscola, con il corpo e il piccolo manico l’ukulele fu inventato nel 1879 da immigrati portoghesi trasferiti nelle Hawaii. Il nome in lingua hawaiana significa pulce saltellante e sembra sia collegato alla velocità con cui abitualmente questo strumento viene suonato.

Esiste in almeno cinque diverse versioni, a seconda della lunghezza deMercatinodellukulelella tastiera e della grandezza del corpo. Dalla più piccola alla più grande sono: sopranino, soprano, concerto, tenore e baritono. Ha quasi sempre quattro corde singole

L’ukulele soprano è accordato come altre chitarre di origine iberica, usate in America Latina e nelle isole Canarie con accordatura rientrante, cioè, con la sequenza della corde non organizzata dalla più grave alla più acuta, dalla corda più in alto a scendere. Il quarto ordine, sol, è quindi accordato all’ottava superiore. Tuttavia è piuttosto comune sostituire questa corda con un Sol di diverso diametro, accordato all’ottava inferiore.

L’ukulele è comunemente associato con la musica delle Hawaii, tuttavia ha goduto di un ampio utilizzo anche nella musica rock e pop, grazie ad artisti soprattutto britannici e statunitensi che ne hanno apprezzato il suono singolare. Al giorno d’oggi sono sempre più numerosi i gruppi che scelgono di utilizzare l’ukulele nei propri arrangiamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *